Inarcassa in pillole…

PERCHÉ e QUANDO MI DEVO ISCRIVERE a INARCASSA?

L’iscrizione a Inarcassa non è una “facoltà”; l’iscrizione è obbligatoria per tutti gli Ingegneri e gli Architetti che esercitano la libera professione con carattere di continuità.

Per esercizio “con carattere di continuità”, si intende che vi siano, CONTEMPORANEAMENTE, le seguenti 3 condizioni, anche se per un limitato periodo di tempo:

  1. Iscrizione all’Albo Professionale;
  2. Possesso di partita I.V.A. individuale e/o di associazione e/o societaria (società di professionisti o tra professionisti);
  3. Non essere assoggettati ad altra forma di previdenza OBBLIGATORIA.

In questo caso, per comunicare a Inarcassa di avere maturato i requisiti di iscrivibilità, si DOVRÀ inoltrare la “domanda di iscrizione”, completa dei dati relativi alla partita IVA.

Nel caso si entri a far parte di una società o di una associazione, contestualmente alla domanda si dovrà inoltrare anche l’eventuale atto costitutivo.

Il modello per la “domanda di iscrizione” (Modulo ME027), in autocertificazione, è disponibile su:
www.inarcassa.it ==> modulistica

ATTENZIONE! L’omessa o ritardata comunicazione della maturazione dei requisiti di iscrivibilità, determina l’applicazione di sanzioni amministrative.

La perdita di anche uno solo dei 3 requisiti di base (chiusura della partita IVA, assoggettamento ad altra forma di previdenza obbligatoria, cancellazione dall’albo professionale), determina l’obbligo di cancellazione da Inarcassa.

In questo caso è necessario comunicare ad Inarcassa il venir meno di una o più delle condizioni di iscrivibilità, mediante l’invio di una dichiarazione sostitutiva di atto notorio, nella quale deve essere indicata la data di cessazione della o delle condizioni e, nel caso di obbligatorietà di iscrizione ad altra forma di previdenza, occorre specificare se si tratta di lavoro dipendente o lavoro autonomo.

NEL CASO DI CANCELLAZIONE DALL’ORDINE, la cancellazione da Inarcassa avviene d’ufficio.

 ATTENZIONE. Qualora vi sia un rapporto di dipendenza, ma si resti iscritti all’Ordine e in possesso di partita IVA, pur non avendo i requisiti di iscrivibilità è comunque dovuto a Inarcassa il contributo integrativo (attualmente 4%), calcolato sul fatturato.

Il delegato ingegnere Inarcassa, per la provincia di Bologna: ing. Franca Biagini