Asso InAr

Norme

Regione Emilia Romagna. Comunicato n. 3 del 17/04/2018
Correzione di errori materiali e rettifiche formali alla modulistica edilizia unificata e aggiornamento della ricognizione delle disposizioni incidenti sugli usi e le trasformazioni del territorio e sull’attività edilizia, aventi uniforme e diretta applicazione sul territorio regionale.

La Regione Emilia Romagna ha apportato correzione di errori materiali e modifiche di carattere formale alla modulistica edilizia unificata [allegati alla deliberazione della Giunta regionale n. 922 del 28 giugno 2017].

In particolare sono state apportate modifiche ai Moduli 1, 2, 3, 4 e il Modulo “Dati geometrici di altri immobili/edifici” contenuti nell’Allegato IV della DGR 922/2017, nonché all’elenco delle disposizioni incidenti sull’attività edilizia contenute nell’Allegato III della stessa DGR [“Ricognizione delle disposizioni incidenti sugli usi e le trasformazioni del territorio e sull’attività edilizia, aventi uniforme e diretta applicazione sul territorio regionale”].

La nuova modulistica entra in vigore, e quindi ne è obbligatorio l’utilizzo, dal 19 aprile 2018.

Per i primi 30 giorni dall’entrata in vigore, quindi fino al 19 maggio 2018, si può continuare ad utilizzare la modulistica previgente a condizione che l’intervento non interessi le dichiarazioni di cui al Modulo 2 (RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAZIONE della richiesta o presentazione di titolo edilizio o istanza preventiva di conferenza di servizi), punto 25.2.1.
[Zona di conservazione “Natura 2000” => che l’intervento ricade in sito appartenente alla rete “Natura 2000”, e, ai fini della tutela della stessa: 25.2.1. non necessita di valutazione di incidenza, in quanto non determina incidenze negative significative sui siti, essendo compreso nell’elenco degli interventi di cui …..]

Modulistica aggiornata (versione “Aprile 2018”): LINK

Comunicato n. 3/2018: LINK

DGR 121-2015-Operatività Modulistica unificata CIL

L’abrogazione delle tariffe minime ha come effetto una scarsa qualità delle prestazioni
<!–more–>L’abrogazione delle tariffe minime ha come effetto una scarsa qualità delle prestazioni